Sfida alla Sensibilità Chimica Multipla

Categorie

La sfida alla Sensibilità Chimica Multipla è appena iniziata!

in collaborazione con il Prof. Giuseppe Genovesi – Dipartimento di Fisiopatologia dell’Azienda Policlinico Umberto I Università degli Studi di Roma La Sapienza – ed i suoi Colleghi in Alcalia.

MCS – Sensibilità Chimica Multipla: una sindrome subdola ed invalidante. E’ una patologia in evidente aumento a causa delle condizioni ambientali progressivamente peggiorate negli ultimi 15 anni. Uno dei più importanti studiosi della Sensibilità Chimica Multipla è l’italiano Prof. Giuseppe Genovesi. Specialista in Endocrinologia, Immunologia e Psichiatria presso il Dipartimento di Fisiopatologia dell’Azienda Policlinico Umberto I° Università degli Studi di Roma La Sapienza. Ecco quanto scrive per noi.

“E’ la sindrome che rende le persone intolleranti a moltissime sostanze di uso comune. Chi ne è colpito è costretto ad evitare progressivamente il contatto con una serie sempre maggiore di elementi. Tra le sue svariate manifestazioni, la MCS spesso è in grado di innescare importanti crisi respiratorie mettendo l’individuo in serio pericolo di vita.

Lo scatenamento della crisi

Lo scatenamento della crisi avviene per contatto, ingestione o inalazione, anche di piccolissime dosi di sostanze. Sostanze che normalmente sono tollerate dalla maggior parte delle persone e che sono di uso comune e quotidiano. Ad esempio: 

  • cibi chimicamente trattati
  • aromi e conservanti
  • coloranti
  • insetticidi
  • disinfettanti
  • pesticidi
  • antiparassitari
  • detersivi
  • prodotti cosmetici
  • profumi e deodoranti
  • vernici, solventi e colle
  • carta stampata
  • inchiostri
  • fumi di combustione
  • prodotti plastici
  • materiali per l’edilizia
  • fumi di stufe, camini e barbecue
  • formaldeide
  • trattamenti antitarlo e conservanti del legno
  • moquette e tappeti
  • colori artificiali

Importanti manifestazioni di intolleranza si verificano anche per alcuni farmaci, anestetici e prodotti medicamentosi.

La Multiple Chemical Sensitivity, in italiano la Sensibilità Chimica Multipla, è una fra le più gravi nel mondo. Riconosciuta in USA, Canada, Austria e Germania. L’MCS è stata inclusa dall’OMS – Organizzazione Mondiale della Sanità – come una patologia organica con il codice T78.4 dell’ICD-10 (Codice Internazionale delle Malattie).

Non sono rari i casi in cui il soggetto affetto da MCS sia intollerante alle onde elettromagnetiche di dispositivi quali telefoni cellulari. O anche forni a micro-onde, PC, radio, televisione, etc. wfi. Questi, in particolare, amplificano il livello di intolleranza e la sintomatologia correlata. 

I sintomi da MCS

I sintomi correlati alla Sensibilità Chimica Multipla, sono i più vari. Ad esempio: difficoltà nella respirazione, tosse secca, senso di costrizione toracica, tachicardia, irritazione delle mucose degli occhi, del naso e della gola, frequente senso di affaticamento, nausea improvvisa e vomito, disturbi gastrointestinali, dolori ai muscoli e alle articolazioni, dermatosi, dermatiti da contatto, orticaria ed altre forme di eruzione cutanea, senso di vertigine, difficoltà nella concentrazione, cefalea, improvvise alterazioni del tono dell’umore, scarsa memoria, ipersensibilità dell’olfatto, disorientamento, edemi, blocco del sistema nervoso periferico orto e para simpatico – si ha un senso di bruciore interno non accompagnato da dolore.

La difficoltà dell’anemnesi

Spesso dopo costosi esami di routine il medico scambia la malattia per una nevrosi o peggio per una psicosi. E’ così che il malato si trova ad affrontare una pericolosa combinazione fra la profonda sofferenza per i sintomi del male e lo stress indotto dallo scetticismo di parenti e amici.

In Italia sono ancora pochi i medici che abbiano una competenza sufficiente per affrontare adeguatamente tale patologia e solo in alcune Regioni italiane l’MCS è riconosciuta come una malattia invalidante.

La diffusione dell’MCS è legata a mutazioni genetiche presenti fin dalla nascita. Le cause scatenanti sono indotte da sostanze chimiche che si trovano nell’aria, nell’acqua e negli alimenti. Peraltro è dimostrato che alcune particolari condizioni di inquinamento sarebbero tali da provocare in alcuni soggetti un’alterazione genetica che non avevano quando sono nati.

Riconoscerne i sintomi e “disinnescare” per quanto possibile le specifiche reattività che il soggetto colpito da MCS evidenzia con i suoi stati di sofferenza è una lavoro duro. Richiede profonda competenza da parte del medico ed una grande capacità di auto-osservazione da parte dell’ammalato. La sfida all’MCS è appena iniziata.

 

alt="giuseppe genovesi" 

in collaborazione con il Dottor Giuseppe Genovesi

 

 

Dopo la grave perdita del Dott. Giuseppe Genovesi, Alcalia No Profit si affida Dott. Marco Pasqualini per serietà, umanità e passione per la sua professione: il nostro miglior referente per MCS e Malattie del Progresso.

NEWSLETTER !

Iscriviti.
Non perdere aggiornamenti, eventi, eBooks, nuovi programmi, seminari, convenzioni e tanto altro.

altri contenuti